Navigation

Turchia: "colpito duramente il PKK"

L'aviazione continua a bombardare i miliziani curdi nel nord dell'Iraq, dal 24 luglio ne avrebbe uccisi 260; il governo del Kurdistan: "colpiti anche civili"

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 agosto 2015 - 20:26

L'aviazione turca continua a bombardare, per la seconda settimana consecutiva, i miliziani curdi del PKK nel nord dell'Iraq. Nelle ultime ore sarebbero morte sei persone.

Dal 24 luglio, ha comunicato sabato l'agenzia di stampa governativa, la Turchia avrebbe ucciso 260 miliziani e ne avrebbe feriti oltre 400, inferendo così un duro colpo al PKK

Il governo del Kurdistan iracheno, intanto, denuncia che sarebbero stati colpiti anche civili. Il presidente della Regione autonoma, Masud Barzani, per proteggere chi non combatte ha invitato il PKK a lasciare il paese e riprendere i negoziati con Ankara.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.