Navigation

Tunisia, il giorno dopo

Il premier tunisino Habib Essid ha reso noto questa mattina che i morti sono 22. Tra questi 17 turisti stranieri e anche due terroristi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2015 - 20:22

Il bilancio potrebbe però non essere definitivo. Le autorità hanno reagito intanto con fermezza, dicendo NO al terrorismo. E lo stesso NO è risuonato da subito nelle piazze e nelle vie di Tunisi.

I tunisini stanno dunque reagendo con forza alla strage dichiarando - in modo fermo - che nel loro paese, non c'è spazio per il terrorismo.

Sul fronte delle indagini, intanto, la polizia ha proceduto a nove arresti in relazione all'attacco al museo Bardo. Attacco che, nel frattempo, è stato rivendicato dallo stato islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.