Navigation

A Berlino, un museo nel luogo che non esiste

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 ottobre 2019 - 21:10
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 7.10.2019)

Nel complesso carcerario di Hohenschönhausen, a Berlino Est, venivano rinchiusi i prigionieri della Stasi. Oggi è un museo. Visita con un ex detenuto.

I detenuti avevano diritto due volte alla settimana a dieci minuti d'aria. Keystone / Paul Zinken

Sulle cartine dell'epoca il complesso di Berlino Hohenschönhausen ufficialmente non esisteva. Eppure fra il 1951 e il 1989, il Ministerium für Staatssicherheit – la famigerata Stasi – rinchiuse in questa prigione oltre 10'000 persone.

Tra di loro Mario Röllig, incarcerato qui nel 1987 per sei mesi e che oggi ha deciso di mostrare ai turisti la prigione trasformata in museo "per mantenere vivo il ricordo delle ingiustizie e dei crimini compiuti dal regime tedesco orientale".

"Per raccontare ai giovani la storia è utile partire dalle singole biografie – spiega alla Radiotelevisione svizzera. Nella mia un ruolo chiave lo occupa il mio cane Otello. Dopo la lettura dei miei fascicoli scritti a suo tempo dai servizi segreti sono venuto a sapere che molti miei amici e colleghi di allora mi spiavano per conto della Stasi. Ho avuto una forte depressione e non volevo aver più nulla a che fare con la gente. È stato il mio cane a guarirmi e a rendere possibile il mio ritorno ad una vita sociale normale".

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.