Navigation

Tre morti sospette: ritirato vaccino antinfluenzale

Divieto di utilizzo per due lotti del 'Fluad' di Novartis; la misura è cautelativa, il legame con i decessi è da dimostrare

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2014 - 14:36

L'Agenzia italiana del farmaco ha bloccato la somministrazione di due lotti del vaccino anti-influenzale 'Fluad', prodotto dalla svizzera Novartis, a seguito delle segnalazioni di 3 morti sospette e un quarto caso di reazioni avverse gravi.

Le persone decedute -una poco dopo l'iniezione, le altre entro le 48 ore- avevano tra i 68 e i 79 anni. Due risiedevano nel siracusano, l'altra in Molise.

La relazione tra le morti e il preparato rimane da dimostrare, così come vanno verificate le cartelle cliniche dei tre anziani. "Si tratta di numeri troppo bassi", ha dichiarato il direttore generale dell'Aifa Luca Pani, precisando che i tre eventi fatali risalgono al periodo tra il 12 e il 18 novembre e sono state segnalate all'Agenzia lo scorso martedì.

I due lotti ritirati dal commercio giovedì mattina -destinati solo alle Asl e non alla vendita in farmacia- contenevano in totale 460'000 dosi. Sarà l'Istituto superiore di sanità, ha spiegato ancora Pani, a compiere accertamenti "per vedere se in questi lotti c'è qualcosa che non è andato bene. Tra le ipotesi possibili ci potrebbe essere la presenza di un contaminante nella produzione".

Novartis, dopo la sospensione, ha diffuso una nota: "Abbiamo piena fiducia nella sicurezza ed efficacia dei nostri vaccini anti-influenzali e ci siamo immediatamente adoperati in una revisione preliminare dei lotti di vaccino interessati. L'esito di tale revisione ha già riconfermato la qualità e la conformità del vaccino Fluad".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.