Navigation

Traghetto ancora in fiamme

Il relitto si trova ora a Brindisi kexstone

Continuano a divampare roghi sul relitto del Norman Atlantic; nessun nuovo cadavere è stato recuperato

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 gennaio 2015 - 22:41

Continuano a scoppiare incendi a bordo del Norman Atlantic, il traghetto italiano ormeggiato a Brindisi dopo essere andato a fuoco una settimana fa nel Canale di Otranto mentre dalla Grecia si dirigeva verso Ancona.

Le fiamme si alimentano ogni volta che una ventata di ossigeno penetra all'interno della nave; gli esperti prevedono che la combustione lenta continui per settimane e proprio per questo il pool di investigatori e tecnici salito a bordi non è riuscito nemmeno oggi, domenica, a recuperare corpi che si ipotizza siano rimasti intrappolati nel relitto.

È però stata recuperata anche la seconda scatola nera (la prima è stata trovata due giorni fa), ma si teme che possa essere stata seriamente danneggiata dalla fiamme. Gli inquirenti non sono ancora riusciti ad individuare le cause dell'enorme rogo divampato sul traghetto lo scorso 28 dicembre e che ha provocato 11 morti finora accertati.

Tutte le notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

ATS/ANSA/ludoC

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.