Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Traffico da ultimo weekend di luglio

14 km a nord del San Gottardo e quasi 30, in Italia, tra Ventimiglia e Savona; code alle frontiere sud di Francia, Germania, Austria

L'ultimo fine settimana di luglio è da tradizione uno dei più caldi dell'anno sul fronte del traffico. Il copione è stato rispettato anche quest'anno, in tutta Europa. La Svizzera non ha fatto eccezione, soprattutto sull'autostrada A2, quella che passa dal San Gottardo.

La giornata di passione è iniziata alle sette di sabato mattina ed è durata tutto il giorno lungo la A2. Le code hanno raggiunto i 14 km al portale nord di Göschenen, migliaia di turisti hanno dovuto attendere in auto per più di due ore prima di imboccare il tunnel del San Gottardo.

Una volta attraversata la galleria, i rallentamenti si sono protratti con una nuova tappa forzata. Alla dogana di Chiasso-Brogeda si sono formate colonne lunghe 12 chilometri.

Non è andata meglio a chi viaggiava in direzione opposta, con due ore di attesa registrate anche ad Airolo in prossimità del portale sud del San Gottardo.

Anche al casello di La Barque, nel sud della Francia, migliaia di automobilisti sono stati chiamati ad lungo esercizio di pazienza prima di raggiungere le località di villeggiatura.

Fine settimana da bollino rosso anche nel sud della Germania e in Italia; particolarmente trafficate le autostrade liguri, con quasi 30 chilometri di coda sul tratto Ventimiglia-Savona.

Colonne chilometriche sono state registrate anche nel sud dell'Austria e in Slovenia. A peggiorare la situazione di chi viaggia verso le spiagge della Croazia ci sono state sabato le misure di sicurezza prese per l'arrivo del presidente russo Vladimir Putin nel Paese, per la cui sicurezza l'autostrada tra Lubiana e Jesenice è stata chiusa al traffico per l'intera giornata.

×