Navigation

Terrorismo, naturalizzazione bloccata all'imam di Lugano

L'imam di Viganello (Lugano) Samir Radouan Gelassi ha rigettato in una conferenza stampa le accuse mossegli dalla SEM. RSI-SWI

​​​​​​​

Un’informativa dei servizi dell’intelligence svizzera ha bloccato la richiesta di naturalizzazione dell’imam di Lugano Samir Radouan Gelassi depositata nel 2014.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 10:09
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 4.11.2019)

Il religioso, che domenica ha convocato i media per denunciare il suo caso - e che non risulta formalmente indagato dalla procura - avrebbe intrattenuto contatti, secondo i servizi di informazione, con personaggi in odore di radicalizzazione.

Sulla base di queste indicazioni la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha fornito l’anno scorso parere negativo alla richiesta di cittadinanza elvetica dell’imam, che secondo quanto scrive l’autorità federale “costituisce un pericolo per la sicurezza interna ed esterna della Svizzera” per il suo presunto coinvolgimento “in attività di terrorismo islamico”.

Contro questa decisione l’imam ha immediatamente ricorso, sporgendo anche denuncia penale per calunnia, ingiuria e abuso di autorità. Opposizioni che però per il momento non hanno sortito effetti apprezzabili per il ricorrente. La procura cantonale ha infatti decretato il non luogo a procedere per la denuncia mentre i ricorsi sono stati affossati dal Tribunale penale federale. 

Da parte sua l’imam ha sempre negato di aver intrattenuto rapporti con esponenti islamici passati per la moschea di Viganello e finiti in movimenti jihadisti internazionali. In un caso Samir Radouan Gelassi ha voluto sottolineare di essersi addirittura attivato, su sollecitazione del padre, per denunciare un fedele intenzionato a raggiungere i combattenti dell’Isis in Siria.

Nel servizio del Quotidiano l'intervista all'imam di Lugano.

Contenuto esterno


Per questi motivi l’imam è intenzionato a insistere nella procedura di naturalizzazione, almeno finché non si saranno esaurite tutte le possibilità ricorsuali.

Nella scheda del TG, i presunti jihadisti che ruotavano attorno alla moschea luganese:

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.