Navigation

Attacco all'arma bianca a Nizza, tre morti

Agenti presso il perimetro di sicurezza attorno al luogo dell'attacco. Keystone / Sebastien Nogier

Tre persone sono state uccise e diverse altre ferite in un attacco all'arma bianca giovedì attorno alle 9:00 in una chiesa nel centro di Nizza.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2020 - 13:02

Due persone decedute all'interno della Basilica di Nostre-Dame sono state "sgozzate" o "decapitate", secondo diverse fonti. Una terza vittima, una donna, si è rifugiata in un bar vicino alla chiesa, dove è morta poco dopo, riferisce la radio France Info. Si deplorano anche vari feriti.

L'aggressore è stato a sua volta ferito e si trova agli arresti in ospedale. Non si esclude la presenza di complici, ha detto ai microfoni di BFM-TV Laurent Martin de Fremont, ufficiale di polizia di Nizza.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

L'inchiesta è stata affidata alla procura antiterrorismo. Al momento si tratta di un'inchiesta per "omicidio" e "tentato omicidio".

Il presidente francese, Emmanuel Macron, e il premier Jean Castex, si sono recati presso l'unità di crisi aperta al ministero dell'interno di Parigi, in Place Beauvau, indica l'Eliseo. Un minuto di silenzio è stato osservato all'Assemblea nazionale.

Il sindaco della città, Christian Estrosi ha dichiarato che tutto indica che si tratta di "un attacco terroristico" e che l'uomo ha continuato a urlare "Allahu Akbar" anche una volta in manette, un dettaglio poi confermato alla stampa da una fonte vicina all'inchiesta, la quale ha aggiunto che l'aggressore dopo l'arresto ha detto di chiamarsi Brahim e di avere 25 anni.  "Quando è troppo è troppo", ha dichiarato Estrosi, "è tempo che la Francia si adoperi per annientare l'islamo-fascismo sul suo territorio".

In Francia la minaccia terroristica di matrice islamica è ritornata recentemente di prepotenza sotto i riflettori dopo la recente decapitazione del professore Samuel Paty che in classe aveva mostrato le caricature di Maometto della rivista satirica Charlie Hebdo durante una lezione sulla libertà di espressione.

La corrispondenza da Nizza:

Contenuto esterno

In seguito all'attacco in tutto il paese si sono svolte manifestazioni di cordoglio e a sostegno, appunto, della libertà di espressione. Il governo ha introdotto una linea dura contro l'estremismo islamico.

Parte del mondo musulmano ha reagito con rabbia e alcuni governi hanno accusato il presidente Macron di sostenere un programma anti-islamico.

La ferma condanna di Ankara:



tvsvizzera.it/Zz/afp/reuters con RSI (TG del 29.10.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.