Navigation

Terrorismo, Hollande rinuncia alla revoca della cittadinanza

Il progetto di riforma costituzionale del presidente francese non gode di sufficiente sostegno nelle due camere

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2016 - 21:01

l presidente francese François Hollande ha reso noto dopo il consiglio dei ministri di mercoledì che intende rinunciare al progetto di riforma della Costituzione annunciato all'indomani degli attentati del 13 novembre a Parigi che prevedeva la revoca della cittadinanza agli autori di atti terroristici e lo stato d'emergenza.

Il capo dello Stato, la cui popolarità ha toccato un nuovo minimo nei sondaggi (18%), è stato costretto a prendere questa decisione di fronte alla spaccatura nelle camere sulla sua proposta che non ha risparmiato la stessa maggioranza.

"Ho deciso di chiudere il dibattito costituzionale ma non farò passi indietro nell'impegno che ho preso di garantire la sicurezza del nostro paese e di proteggere i francesi dal terrorismo", ha detto dopo l'incontro con i presidenti di Assemblea e Senato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.