Navigation

Svizzera e Cina economicamente sempre più vicine

La Banca nazionale Elvetica e quella Cinese hanno concluso un accordo per lo scambio a termine di franchi e yuan.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2014 - 21:36

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha concluso con la Banca centrale cinese (People's Bank of China, PBC) un accordo bilaterale di swap (per i flussi di cassa).

L'intesa è stata firmata lunedì a Pechino dal governatore della PBC Zhou Xiaochuan e dal direttore della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan.

L'accordo siglato nella giornata di lunedì prevede anche che la BNS ottenga una quota d'investimento in renminbi (più noti come yuan) che gli permette di piazzare una parte delle sue riserve di valute sul mercato obbligazionario cinese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.