Navigation

Svezia e Finlandia presto nella NATO

La prima ministra finlandese Sanna Marin: "La Finlandia deciderà se candidarsi alla Nato entro poche settimane" Keystone / Paul Wennerholm

Finlandia e Svezia sono attualmente fuori dall'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord (NATO). Presto però i due Paesi scandinavi potrebbero aderire al Patto atlantico.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 aprile 2022 - 21:01
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

Finlandia e Svezia non vogliono fare la fine di Kiev e per questo il pressing per entrare nella Nato si fa sempre più forte. L'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca ha accelerato le mosse di Helsinki e Stoccolma, preoccupate per l'alta tensione con la vicina Russia.

E mercoledì, in una conferenza stampa congiunta, le premier dei due Paesi scandinavi - partner ma non membri dell'Alleanza - hanno annunciato in maniera decisa che l'adesione è sempre più probabile. Per tutta risposta, Mosca ha inviato mezzi militari e uomini al confine con la Finlandia in una sorta di sinistro monito.

Ad aumentare la tensione con la Russia sono state le dichiarazioni della premier finlandese Sanna Marin che ha annunciato che il suo Paese - che condivide un confine di quasi 1'300 chilometri con Mosca - deciderà se candidarsi all'entrata nella Nato "entro poche settimane". "Penso che accadrà abbastanza rapidamente", ha fatto sapere la leader socialdemocratica, sottolineando di voler evitare che accada in Finlandia quanto successo in Ucraina.

Mentre la collega svedese Magdalena Andersson ha sottolineato che per quanto riguarda Stoccolma "ci sono argomenti da analizzare con molta attenzione. Bisogna soppesare tutti i pro e i contro. Allo stesso tempo, non vedo alcun motivo per rinviare la decisione. Avremo le elezioni a settembre e dobbiamo anche essere in grado di concentrarci su questo".

In attesa del dibattito in Parlamento la prossima settimana, il governo di Helsinki ha pubblicato un Libro bianco commissionato dopo l'attacco all'Ucraina e dove si sottolinea che "senza l'adesione alla Nato, la Finlandia non gode di garanzie di sicurezza, nonostante sia un partner dell'Alleanza". Il rapporto insiste sul fatto che solo i membri dell'organizzazione beneficiano dell'ombrello di difesa collettiva del famoso articolo 5. L'adesione alla Nato fornirebbe quindi una deterrenza "significativamente maggiore" contro un attacco alla Finlandia, afferma il documento.

"La Russia è il nostro vicino. Abbiamo un lungo confine con loro e vediamo come si comportano in Ucraina adesso. È una guerra in Europa che non volevamo accadesse, ma ora purtroppo è così. Pertanto, dobbiamo ovviamente porci la domanda su come possiamo fare in Finlandia per evitarlo", ha proseguito la premier Marin. "La differenza tra essere un partner ed essere un membro è molto chiara. Non c'è altro modo per avere garanzie di sicurezza che nell'ambito della difesa e deterrenza comuni garantite dall'articolo 5", ha aggiunto.

Un vertice Nato è previsto per il 29 e 30 giugno a Madrid e la maggior parte degli analisti prevede l'annuncio di una candidatura finlandese in quella sede. Il sostegno all'adesione, che per decenni in Finlandia si era aggirato intorno al 20-25%, è quasi triplicato, superando il 60 o addirittura il 70%. Anche in Parlamento sta emergendo una netta maggioranza. Tra i deputati che hanno già reso nota la loro posizione, circa 100 su 200 sono favorevoli e solo 12 sono contrari, secondo i media finlandesi. Allo stesso tempo, Helsinki ha moltiplicato i contatti con la maggior parte dei 30 membri della Nato.

Anche la Svezia punta ad aderire all'Alleanza e secondo alcune fonti, riferite dal quotidiano svedese Svenska Dagbladet, l'obiettivo è di entrarci proprio a giugno di quest'anno, in concomitanza con il summit di Madrid.

Contenuto esterno

Movimenti militari russi al confine con la Finlandia

Mosca aveva già messo in guardia Stoccolma ed Helsinki, avvertendo che l'adesione avrebbe avuto "conseguenze politiche e militari". Oggi veicoli militari russi sono stati avvistati vicino al confine con la Finlandia: un filmato mostra lo spostamento di uomini e attrezzature militari, compresi sistemi di difesa costiera, in quello che sembra un chiaro monito del Cremlino. Un apparente avvertimento proprio mentre il dibattito sull'adesione alla Nato continua a crescere nel paese nordico.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?