Navigation

Stato d'emergenza in Etiopia

Contenuto esterno

I deputati etiopi hanno votato a favore di uno stato di emergenza di sei mesi dopo l'avanzata dei ribelli in direzione della capitale, provocando l'allarme degli Stati Uniti che temono un peggioramento della crisi umanitaria nel Paese del Corno d'Africa. La guerra civile, infatti, scoppiata un anno fa, ha ridotto alla fame centinaia di migliaia di persone.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2021 - 20:45
tvsvizzera.it/fra

Il conflitto, iniziato con un'offensiva militare a nord dell'Etiopia contro il partito di governo locale Fronte popolare di liberazione del Tigrè (Tplf) per decisione del primo ministro etiope Abiy Ahmed - premio Nobel per la pace nel 2019 - si è poi esteso alle regioni confinanti degli Afar e degli Amhara, in cui sorge la città di Kemissie, di recente conquistata dal Tplf e ubicata circa 400 chilometri a nord della capitale.
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.