Navigation

Perdono presidenziale per Bannon alla vigilia dell'insediamento di Biden

Steve Bannon nell'agosto del 2020. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

Nelle sue ultime ore alla Casa Bianca, mentre una Washington blindata si prepara alla cerimonia di insediamento di Biden, il presidente statunitense Donald Trump ha graziato 73 persone, tra cui anche il suo ex consigliere Steve Bannon.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2021 - 13:00

Bannon era stato uno degli artigiani della campagna presidenziale vittoriosa di Trump nel 2016 prima di essere messo alla porta dal presidente.

Considerato di tanto in tanto il "guru" o il "Machiavelli" del sovranismo, il 66enne è accusato di appropriazione indebita dei fondi destinati alla costruzione del muro tra Stati Uniti e Messico, una delle promesse elettorali di Trump. Rischiava fino a 20 anni di carcere, ma il perdono presidenziale annullerebbe le accuse qualora fosse ritenuto colpevole in tribunale.

"Mr. Bannon è stato un leader importante del movimento conservatore ed è conosciuto per la sua competenza politica", scrive la Casa Bianca in una nota.

Il perdono è stato anticipato da diversi media e, secondo il New York Times, sarebbe stato deciso all'ultimo momento dopo una telefonata tra il presidente e lo stesso Bannon.

Contenuto esterno

Washington si prepara

Le 73 grazie presidenziali sono state l'ultimo degli atti di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti. 

Dopo una breve cerimonia in programma alla base militare di Andrews, alla periferia di Washington, il miliardario decollerà a bordo dell'Air Force One in direzione di Mar-a-Lago, in Florida, dove comincerà la sua vita da ex presidente.

Il giorno della cerimonia di insediamento di Joe Biden è caratterizzato da un clima molto particolare, provocato dagli effetti congiunti della pandemia e lo shock ancora fresco delle violenze a Capitol Hill nelle quali sono morte cinque persone.

Le misure di sicurezza sono eccezionali.  Saranno schierati circa 25'000 soldati della guardia nazionale e migliaia di poliziotti giunti da tutto il paese. Prova della tensione che regna è il fatto che dodici agenti sono stati scartati dal dispositivo di sicurezza nell'ambito di una procedura di ricerca di eventuali legami con gruppi estremisti.

La scena sarà ben diversa da quella abituale per una cerimonia di insediamento, con folle immense sulla spianata del National Mall. Delle alte recinzioni, alcune delle quali sormontate da filo spinato, proteggono la "Red Zone" tra il Congresso e la Casa Bianca.

La cerimonia comincerà alle 11:30 (le 17:30 in Svizzera).

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz/reuters con RSI (TG del 20.01.2021)

Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.