Navigation

Spiraglio di pace per l'Ucraina

Concrete speranze di pace per l'est dell'Ucraina dopo la maratona negoziale di 16 ore fra Putin, Poroshenko, Merkel e Hollande.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2015 - 21:16

Il vertice di Minsk ha sortito un accordo per mettere fine al conflitto che da nove mesi divampa nelle regioni separatiste e filorusse dell'Ucraina. Giovedì mattina i partecipanti al summit hanno comunicato i punti principali di questa intesa, che prevede l'introduzione di un cessate il fuoco a partire dal 15 febbraio.

Nei colloqui è stato raggiunto anche un accordo per attuare la legge sullo status speciale per l'Ucraina sud-orientale approvata in precedenza.

E quanto raggiunto coi negoziati a Minsk, è in gran parte merito dell'inedita coppia diplomatica franco-tedesca e in particolare della cancelliera Angela Merkel, che in pochi giorni ha girato mezzo globo per scongiurare il deteriorarsi del conflitto ucraino.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.