Navigation

Paesi Bassi, espulsi quattro agenti segreti russi

I servizi di sicurezza olandesi hanno sventato in aprile un cyber-attacco contro l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac) da parte della Russia. I Paesi Bassi hanno quindi espulso quattro agenti segreti russi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2018 - 21:12
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 04.10.2018)
Contenuto esterno


L'operazione informatica sarebbe stata programmata dall'intelligence militare russa, il Gru. I quattro sospettati avevano passaporti diplomatici e tra loro c'era un esperto di informatica.

La sede dell'Opac, bersaglio del cyber-attacco. Keystone

Un computer portatile appartenente a uno dei quattro agenti era collegato con il Brasile, la Malysia e la Svizzera, con cartine stampate di Berna e Ginevra, un biglietto del treno per Basilea e documenti sul laboratorio chimico di Spiez coinvolto nelle analisi dell'agente nervino del caso Skripal.

L'Opac è stata coinvolta di recente anche nelle analisi relative all'attacco all'ex spia russa nel Regno Unito Sergei Skripal, così come ha indagato su presunti attacchi chimici in Siria.

Paesi Bassi e Regno Unito rivendicano in una nota congiunta dei primi ministri Mark Rutte e Theresa May "le operazioni rese note oggi" contro quelle che vengono definite "le inaccettabili cyber-attività del Gru, l'intelligence militare russa". Queste operazioni - affermano Rutte e May in una dichiarazione congiunta - "gettano ulteriore luce" sul comportamento di Mosca.

L'ambasciatore russo nei Paesi Bassi e inviato presso l'Opac Alexander Shulgin è stato intanto convocato dal ministero degli Esteri olandese per fornire spiegazioni sul presunto attacco hacker contro l'organizzazione, riporta da Mosca l'agenzia Tass.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?