Navigation

Sparatoria a Orlando: salgono a 50 i morti

tvsvizzera

Un uomo ha sparato all'impazzata in un locale gay della città della Florida dove venerdì è stata uccisa la cantante Christina Grimmie

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2016 - 16:44

L'uomo che nella notte tra sabato e domenica è entrato in un locale notturno a OrlandoLink esterno sparando all'impazzata, ha ucciso almeno 50 persone e ne ha ferite altre 42, alcune delle quali in modo serio, prima di morire a sua volta. Lo ha reso noto la polizia nel corso di una conferenza stampa, durante la quale ha precisato: "Stiamo cercando di identificare l'assalitore, che non è di Orlando, e di capire se con lui ci fossero anche altre persone".

"Prima di cadere, l'uomo ha ingaggiato un conflitto a fuoco con gli agenti, durato diversi minuti", hanno dichiarato le autorità, che hanno aggiunto: "Si trattava di una persona ben armata e preparata". Su quanto accaduto sta indagando anche l'FBI, che ha invitato chiunque fosse in grado di fornire informazioni a contattare le autorità."Saranno le indagini in corso a fare piena luce su quanto accaduto e sul movente di questo gesto, che potrebbe essere classificato anche come un atto di terrorismo interno", è stato precisato.

L'annuncio della polizia di Orlando twetter

In piena notte, l'uomo si è barricato nel locale pubblico, prendendo in ostaggio numerosi clienti, diversi dei quali sono comunque riusciti a scappare e a mettersi in salvo. Poco dopo gli spari, l'arrivo della polizia e il conflitto a fuoco con gli agenti. Solo al termine dell'assalto lanciato dalle teste di cuoio si è scoperto che l'assalitore era in possesso di un fucile d'assalto, una pistola e un ordigno non meglio precisato.

bin

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.