Navigation

Siria, resta alta la tensione

La tregua auspicata dagli accordi raggiunti la scorsa settimana a Monaco dalla Comunità internazionale sembra morta ancora prima di cominciare

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2016 - 12:50

Nel nord della Siria, la tensione resta alta. La Turchia, insiste per un intervento di terra, ma solo con gli alleati della coalizione internazionale. Si allontana sempre di più la speranza di un cessate il fuoco, ma gli aiuti umanitari sono pronti a partire verso le città assediate.

Oltre ai terroristi preoccupano i bombardamenti di Russia e Turchia. da una parte Mosca continuerà a sostenere Bashar Al Assad, fino a quando questo non avrà riottenuto il potere. Dall'altra Ankara non smetterà di bombardare i suoi nemici curdi nel nord della Siria, supportati dall'esercito siriano e dalla russia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.