Navigation

Siria, offensiva contro l'Isis a Raqqa

Lanciata dalle forze arabo-curde, con l'appoggio aereo degli USA, mira a riprendere il controllo della "capitale" del califfato

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2016 - 20:10

La lotta al fondamentalismo islamico non si concentra solo sulla riconquista della città di Mosul, in Iraq. In Siria, le forze arabo-curde sostenute dagli Stati Uniti hanno lanciato domenica un'offensiva per riprendere il controllo della città di Raqqa, "capitale" dell'autoproclamato Stato islamico.

La città è in mano ai terroristi dell'IS da due anni e mezzo.

È stata la portavoce delle cosiddette Forze democratiche siriane, affiancata da altri ufficiali, a darne notizia, aggiungendo che alla missione denominata "Ira dell'Eufrate" parteciperanno 30 mila uomini, solo combattenti curdi: Washington fornirà un appoggio aereo laddove necessario.

I miliziani hanno invitato i civili a non restare nelle zone sotto il controllo degli jihadisti del califfato e hanno avvertito la Turchia di non interferire in questa offensiva.

afp/mrjLink esterno/TG

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.