Navigation

Siria, la Russia non vuole una tregua

Per Mosca 7 giorni di cessate il fuoco sono troppi e concederebbero un vantaggio eccessivo ai ribelli, proprio ora che le forze governative li stanno mettendo alle strette

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2016 - 12:50

A un anno esatto dall'inizio dei bombardamenti russi in Siria, Mosca non intende minimamente sospendere le operazioni e concedere una nuova tregua di 7 giorni chiesta invece dagli Stati Uniti.

A livello diplomatico i toni sono sempre piu accesi, sul terreno, soprattutto ad Aleppo, la situazione è sempre piu tragica: sono oltre 9'300 i morti causati dai raid russi nell'ultimo anno in Siria. Di questi 3'800, dunque più di un terzo, sarebbero civili. Si conterebbero piu di 900 bambini.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.