Navigation

Sindaco di Venezia in manette

Arrestato con altre 35 persone, sospettate di corruzione attorno al progetto Mose

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2014 - 21:58

Il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, è stato arrestato nell'ambito di un'inchiesta per corruzione, concussione e riciclaggio attorno a Mose, il sistema di dighe mobili progettato per difendere la città dall'acqua alta.

In manette sono finite anche altre 35 persone, tra cui esponenti del mondo politico e della finanza, mentre un altro centinaio risulterebbero indagate.

L'indagine, che ha preso il via tre anni fa, è incentrata su un giro di tangenti e corruzione attorno agli appalti per la costruzione dell'imponente progetto.

ANSA/sf

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.