Navigation

Corea del Nord minaccia di colpire basi USA a Guam

Contenuto esterno


La Corea del Nord starebbe “considerando” di colpire il territorio statunitense di Guam, secondo quanto riportano i media internazionali citando fonti militari del regime di Kim Jong-un. La minaccia giunge qualche ora dopo che Donald Trump aveva affermato “se Pyongyang continuerà con l'escalation della minaccia nucleare la risposta americana sarà fuoco e furia come il mondo non ha mai visto".

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2017 - 13:45
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 09.08.2017)

Media statunitensi, tra cui la CNN e la Fox, citano un comunicato diffuso dall’agenzia nordcoreana Kcna, nel quale un portavoce dell'esercito nordcoreano menziona recenti manovre militari USA che "possono provocare un pericoloso conflitto". Non è chiaro, tuttavia, se il dispaccio risale a prima o dopo l’intervento di Trump.

Nei giorni scorsi, il regime di Kim Jong-un aveva già minacciato di vendicarsi contro gli Stati Uniti in quanto promotori delle sanzioni contro la Corea del NordLink esterno, approvate sabato dall’Onu. Sanzioni cui ha aderito per la prima volta anche la Cina.

Contenuto esterno


"Un attacco contro di noi è un attacco agli USA"

End of insertion

Intanto sull’isola di Guam -la più grande dell’arcipelago delle Marianne, dove oltre ai militari delle basi statunitensi vivono circa 200 mila cittadini americani- il governatore Eddie Calvo rassicura gli abitanti.

“Al momento non ci sono minacce alla nostra isola o al resto delle Marianne”, ha detto. “In ogni caso, un attacco contro di noi è un attacco contro gli Stati Uniti e Washington ci difenderà”.

L'intelligence USA segnala progressi tecnologici di Pyongyang

Il rischio che la guerra a parole si trasformi in un vero conflitto non pare più così remota: secondo l’intelligence americana, la Corea del nord sarebbe riuscita a creare una mini testata nucleare pronta a essere lanciata sui missili intercontinentali sperimentati negli ultimi mesi.

Contenuto esterno
Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.