Navigation

Senato USA: no alla modifica della legge sulle armi

Quattro proposte di inasprimento sul possesso non passano lo scoglio parlamentare negli Stati Uniti

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2016 - 13:49

Sono quattro le proposte bocciate dal Senato statunitense, due presentate dai repubblicani e due dai democratici, per l'inasprimento dei controlli sul possesso di armi. Una votazione emblematica, quella avvenuta nella notte su martedì a Washington di un Senato diviso e indicativa delle tensioni politiche sul tema del controllo delle armi.

Intanto democratici e repubblicani si accusano a vicenda e sul voto naufragato in aula, con i primi che definiscono le proposte avanzate dal fronte repubblicano come deboli ad un livello inaccettabile e questi ultimi che tacciano i democratici di avanzare proposte oltremodo restrittive.

Le polemiche sul voto sono destinate a montare ancora con il proseguire della campagna elettorale per le presidenziali. A un mese dalle convention d'investitura, in parecchi ritenevano che un accordo sarebbe stato impossibile per uno dei temi più scottanti della politica USA, in stallo ormai da anni malgrado le numerose stragi avvenute negli Stati Uniti negli ultimi tempi.

RSI/NEWSLink esterno/ATS/ANSA/AFP/TG/Swing

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.