Navigation

Schengen è un problema

Controlli di polizia alla stazione ferroviaria del Brennero keystone

Da più parti s'invoca un cambiamento degli accordi, al Brennero al via i controlli alle frontiere

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2015 - 15:44

Il tema della libera circolazione delle persone e dei controlli alle frontiere, soprattutto alla luce di quanto sta accedendo in queste settimane sul fronte della migrazione, sta suscitando notevoli polemiche in Europa. Diversi Stati membri, infatti, hanno messo in discussione questa convenzione, chiedendo un "ritorno" ai controlli in aree di valico.

Dalle parole ai fatti

Mercoledì sera potrebbero tornare i poliziotti al Brennero. La conferma arriva dalla provincia autonoma di Bolzano. "Davanti a questa emergenza improvvisa - si legge in un comunicato dell'Ente - la ministra bavarese Emilia Müller ha contattato l'assessora provinciale Martha Stocker per chiedere un sostegno logistico temporaneo nell'accoglienza di profughi.".

Il comunicato della Provincia Autonoma di Bolzano rsi

Dall'Italia, quindi, si sono attivati a sostegno della richiesta della Germania dando anche la disponibilità a ripristinare i controlli al confine del Brennero, analogamente a quanto avvenuto in occasione del G7. Nel primo pomeriggio di mercoledì, infine, la stessa provincia ha emesso un nuovo comunicato precisando che non si tratta di "ripristino" dei controlli, ma di "intensificazione".

sdr

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.