Navigation

Roma, l'estate nera di Fiumicino

Dopo il fumo degli incendi che mercoledì hanno costretto lo scalo a due ore di chiusura, giovedì si è verificato un blackout; intanto Alitalia minaccia di andarsene

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 luglio 2015 - 22:24

È un momento nero per Roma: ai tanti disagi di quest'estate, si aggiungono i problemi allo scalo aereo internazionale di Fiumicino.

Giovedì mattina un black out ha colpito un aeroporto già in tilt in seguito agli incendi che mercoledì lo avevano costretto a due ore di chiusura.

È l'ultima di una serie di grane, cominciate a maggio con l'incendio al Terminal 3. Disastro logistico, d'immagine e occupazionale, un migliaio di impieghi traballano.

Disastro finanziario, dice Alitalia, che chiede 80 milioni di risarcimenti e nuovi investimenti nello scalo. In caso contrario, la compagnia aerea minaccia di andarsene. Qualcuno ha già gettato la spugna: Easyjet porterà via aerei e personale in primavera.

Si indaga intanto sulle cause del rogo di mercoledì; molti sospettano l'origine dolosa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.