Navigation

Rimpatrio lento da Sharm el-Sheikh

18mila turisti attendono ancora nella località egiziana di poter rientrare a casa. Intanto l'ipotesi della bomba sull'aereo russo precipitato acquista sempre più forza

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 novembre 2015 - 13:58

Sono solo 8 gli aerei britannici che venerdì sono riusciti a lasciare Sharm el-Sheikh diretti nel Regno Unito con a bordo circa 1400 turisti. Ne restano dunque ancora più di 18mila da rimpatriare. E intanto anche le operazioni di rimpatrio pianificato per i cittadini russi hanno preso il via, mentre l'ipotesi di una bomba - all'origine del crash dell'aereo russo - acquista sempre più forza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.