Navigation

Riesplode la protesta No Tav

ansa
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 luglio 2014 - 09:05

La protesta No Tav si è riaccesa in Valsusa, in Piemonte. Nella notte tra giovedì e venerdì gli oppositori alla linea ferroviaria ad alta velocità Torino-LioneLink esterno hanno attaccato il cantiere di Chiomonte lanciando bombe carta e petardi. Le forze dell'ordine poste a protezione dell'area hanno risposto con un fitto lancio di lacrimogeni. Un sostituto commissario di polizia è stato leggermente ferito.

La protesta No TavLink esterno ha interessato anche l'autostrada Torino-Bardonecchia che per alcune ore è rimasta chiusa al traffico nel tratto tra Oulx e Susa in entrambe le direzioni di marcia. La circolazione è ripresa attorno alle 3.30 sono terminate le operazioni di bonifica.

RED.MM/Diem/ATS

La cartina

Google MapsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.