Navigation

Ricordando Falcone e Borsellino

keystone

Falcone e Borsellino celebrati nell’anniversario della strage mafiosa di Capaci; alla RSI la testimonianza di Salvatore, fratello di Paolo

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2015 - 16:21

Oggi, sabato 23 maggio, a 23 anni dalla strage dello svincolo di Capaci, l'Italia ricorda la scomparsa dei due magistrati eroi nella lotta contro la mafia, assassinati nel 1992: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Diverse sono le manifestazioni organizzate in tutta la Penisola che hanno coinvolto anche il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ed il premier Matteo Renzi.

A tracciare per la RSI un toccante ricordo intimo, personale, di quei giorni è Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, il magistrato ucciso in via d'Amelio, a Palermo, il 19 luglio 1992, 57 giorni dopo l'attentato mortale a Capaci contro Giovanni Falcone e la sua scorta.

Il fratello del magistrato siciliano, che vive nel Nord Italia dalla fine degli anni '60, ripercorre lucidamente con la memoria attimi di vita con suo fratello, fino all'ultima telefonata. Impressa, scolpita nell'ingegnere che ha lasciato la Sicilia per un nord che credeva diverso. La linea della palma, ha ricordato Borsellino citando Sciascia, sale. Le mafie si sono abituate anche ai climi più freddi.

sdr

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.