Reportage La crisi nel quartiere europeo di Bruxelles

Tra i quartieri che soffrono di più le conseguenze economiche della pandemia di coronavirus, figura certamente quello europeo di Bruxelles. L'assenza di migliaia di funzionari costretti al telelavoro e delle delegazioni che non si incontrano più in presenza, lascia vuoti i ristoranti, caffè e alberghi ai quali il corrispondente RSI dedica questo reportage.

"La cosa migliore erano i vertici: tre giorni di follia, si lavorava non stop, e poi c'erano i giornalisti: era magnifico", ricorda il gestore de Le Coin Du Diable, che è riuscito a superare il 2020 grazie a quanto messo da parte in cinque anni di lavoro, ma non potrà reggere ancora a lungo.

Inutile, in un'area fatta sostanzialmente di uffici, sperare di sopravvivere con l'asporto. "Il 90% della mia clientela era costituito da funzionari europei. [...] Sono tutti a casa, addirittura nei loro Paesi d'origine", osserva il proprietario del ristorante The Meeting Point.

A Bruxelles, il settore alberghiero e della ristorazione dava lavoro a 33'000 persone. Su 9'000 imprese, per ora hanno dichiarato bancarotta in 235 ma la prima, vera ondata di fallimenti -spiega il presidente dell'associazione di categoria- è attesa tra febbraio e marzo dopo la chiusura dei bilanci.

Preoccupati anche i residenti, per un quartiere nel quale gli uffici erano già in sovrannumero prima della pandemia.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

RSI (TG del 16.01.2021)

Parole chiave