Navigation

Referendum, Grecia divisa a metà

Secondo l'ultimo sondaggio, il 44,8% degli elettori voterà sì e il 43,4% no; sempre attesa dalla Corte costituzionale la decisione sulla legittimità della consultazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 luglio 2015 - 13:22

Quando mancano ormai due giorni al voto in Grecia, un nuovo sondaggio conferma un elettorato greco diviso quasi perfettamente a metà tra il sì e il no nel referendum sugli accordi con i creditori internazionali.

Intanto sia il premier Tsipras sia il ministro delle finanze Varoufakis, in attesa della decisione della Corte costituzionale greca sulla legittimità del referendum, sostengono che l'accordo sarà possibile anche con un 'no' alle urne.

Posizione non proprio condivisa dal presidente dell'Eurogruppo Dijsselbloem, secondo cui con una vittoria del no sarebbe difficile arrivare ad una ristrutturazione del debito e ad un nuovo programma di aiuti. Programma che l'FMI ha valutato in circa 50 miliardi di euro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.