Navigation

Forze speciali australiane accusate di crimini di guerra

"L'uccisione illegale di civili e prigionieri non è mai accettabile. È mia intenzione sistemare le cose", ha detto il capo dell'esercito Campbell presentando i risultati del rapporto. Keystone / Mick Tasikas

Un atteso rapporto sulla condotta delle Forze speciali australiane in Afghanistan tra il 2005 e il 2016 è arrivato alla conclusione che queste avrebbero commesso gravi crimini di guerra.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2020 - 13:07

Alcuni membri delle Forze speciali australiane sarebbero colpevoli di aver ucciso e brutalizzato 39 civili in Afghanistan.

Gli ufficiali avrebbero ordinato ai soldati più giovani di uccidere i prigionieri indifesi come una sorta di rito di iniziazione, il cosiddetto "blooding".

Il generale australiano Angus John Campbell ha ammesso che le prove presentate sono credibili. Una simile condotta "è inaccettabile", ha detto. Il capo dell'esercito ha inoltre affermato di voler accettare tutte le 143 raccomandazioni finali - anche di cambiamenti profondi - contenute nel rapporto. 

Depistaggi

Il premier australiano Scott Morrison aveva anticipato che dall'inchiesta sarebbero emerse notizie difficili e pesanti per gli australiani, ma lo shock è stato grande per molti. 

Il rapporto Brereton - dal nome del maggiore che ha condotto l'indagine - precisa che la maggior parte delle vittime, tra cui contadini ed altri civili afghani, erano in detenzione nel momento in cui sono stati uccisi e quindi protetti dal diritto internazionale.

Oltre ai già citati riti di iniziazione, sono state anche stabilite prove che alcuni membri delle forze speciali portavano con sé armi, radio e granate non di ordinanza da piazzare vicino ai corpi di civili uccisi per suggerire che fossero un obiettivo legittimo e sviare così eventuali indagini sull'incidente.

Nel corso dell'inchiesta sono stati intervistato 423 testimoni e studiati più di 20'000 documenti e oltre 25'000 immagini. In totale 19 persone, tra militari ed ex militari potrebbero essere oggetto di procedimenti penali.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz/reuters/ats con RSI (TG del 19.11.2020)




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.