Navigation

Pyongyang sfida ancora Tokyo

Lanciato un missile a medio raggio che si schianta in acque giapponesi. Non capitava dal 1998

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2016 - 12:55

Il Ministero della difesa giapponese ha confermato che uno dei due missili lanciato dalla Corea del Nord è atterrato nelle acque territoriali del Giappone, a 250 km a ovest della penisola di Oga, dopo aver sorvolato il mar del Giappone per circa 1'000 Km.

L'agenzia sudcoreana Yonhap ha indicato che si tratta di un missile a medio raggio con una gittata di 1'300 Km, in grado di raggiungere le coste nipponiche. Il primo razzo sarebbe esploso subito dopo il lancio. Il Governo di Tokyo ha espresso una forte protesta nei confronti di Pyongyang, ribadendo come l'azione sia contraria alle risoluzioni ONU e rappresenti un'azione azzardata dal punto di vista della sicurezza di volo per le flotte commerciali.

Quest'ultimo atto fa parte di una serie di azioni intraprese dalla Corea del Nord da inizio anno: il precedente lancio di razzi era avvenuto il 19 luglio scorso e aveva dato forti motivi di preoccupazione alla Corea del Sud e al Giappone.

ATS/Reuters/EnCa

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.