Navigation

Proteste contro le basi americane nelle Filippine

Feriti e arresti davanti all'ambasciata statunitense a Manila, ma il presidente Duterte non cambierà i trattati

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 ottobre 2016 - 12:53

Almeno 10 persone sono rimaste ferite e 20 arrestate in seguito ai violenti scontri tra polizia e dimostranti avvenuti davanti all'ambasciata statunitense a Manila. Gli agenti hanno usato la mano pesante contro i manifestanti che protestavano contro la presenza dei militari americani.

Gli statunitensi potrebbero infatti consolidare gli effettivi nelle loro cinque basi nell'arcipelago, alla luce delle trattative in corso tra i due paesi, nonostante gli sgarbi diplomatici del presidente Rodrigo Duterte. Una revoca dei trattati internazionali in materia, ha affermato il politico filippino, non è all'ordine del giorno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.