Navigation

Il dramma dei bambini di jihadisti catturati

RSI-SWI

L'appello di due nonni francesi al presidente Emmanuel Macron, perché rimpatri i loro tre piccoli nipoti, porta l'attenzione sul dramma dei bambini catturati insieme ai genitori jihadisti in Siria. Secondo le stime di Save The Children, sono 2500 e di 30 nazionalità diverse.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2019 - 21:10
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 02.03.2019)

Hanno 5 anni, 3 anni e 1 anno. Da due mesi sono rinchiusi in un campo profughi siriano. La loro mamma Julie, una giovane francese che si era unita all'Isis, è morta dopo aver cercato di fuggire. Il padre, un jihadista tedesco, è prigioniero dei curdi.

"Chiediamo il rimpatrio", è l'appello dei nonni. "Sono cittadini francesi. Abbiamo paura per la loro sicurezza e la loro salute."

È solo una di tante storie strazianti: in settimana, alcune famiglie di bambibi di jihadisti rinchiusi in campi profughi hanno denunciato la Francia al Comitato Onu sui Diritti dell'infanzia. 

Contenuto esterno


Si stima i 2500 bambini siano di 30 nazionalità diverse. Le possibilità di rimpatrio sono limitate: molti paesi in Siria non hanno più rappresentanze.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.