Navigation

Profughi, Parigi e Londra litigano sui minorenni rimasti a Calais

Circa 1'500 ragazzi attendono il via libera per ricongiungersi ai loro famigliari nel Regno Unito

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2016 - 13:08

A Calais è stato ultimato lo sgombero del campo conosciuto come La Giungla ma resta la pendenza dei minorenni non accompagnati che intendono raggiungere i loro familiari nel Regno Unito, su cui Londra e Parigi stentano a trovare un'intesa definitiva.

Settanta bus trasferiranno nelle prossime ore i circa 1'500 ragazzi - soprattutto afgani, eritrei e sudanesi - nei centri di prima accoglienza dove i funzionari della migrazione britannici esamineranno ogni singola richiesta. Ma su questa questione il governo della Regina non intende assumersi impegni specifici.

Una volta esperite le pratiche bisognerà poi occuparsi anche delle ultime 400 persone (donne e bambini più piccoli) rimaste a Calais.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.