Navigation

Profughi, accordo dimezzato a Bruxelles

Ricollocamento degli immigrati tra i vari paesi Ue solo su base volontaria, incertezza sul numero reale dei rispettivi contingenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 luglio 2015 - 20:47

È un bilancio in chiaroscuro quello scaturito dalla riunione odierna dei ministri degli Interni dell'UE sullo spinoso problema delle quote di migranti da redistribuire tra i Ventotto. A inizio giugno i capi di governo e i capi di Stato dei paesi dell'Unione avevano accettato il principio di sgravare Italia e Grecia, le nazioni più esposte al fenomeno dell'immigrazione dal Nord Africa, di 40'000 profughi.

Nel vertice non è stato fissato un obiettivo quantitativo ma è stato accettato il principio di solidarietà secondo cui ciascuno stato si farà carico di un certo numero di immigrati su base volontaria. Ma restano irrisolte diverse questioni, a partire dall'obbligo di registrazione dei profughi nei paesi in cui arrivano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.