Navigation

Primarie USA, New York conferma: Trump e Clinton

Vittoria schiacciante del candidato repubblicano (attorno al 60%), mentre la democratica frantuma le speranze di rimonta di Sanders

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2016 - 12:56

Donald Trump e Hillary Clinton: sono loro i vincitori delle primarie di New York in vista delle presidenziali negli Stati Uniti.

Il candidato repubblicano ha ottenuto una vittoria schiacciante, attorno al 60%, mentre in casa democratica l'ex segretaria di Stato ha frantumato le speranze di rimonta del rivale Sanders.

Si fa sempre più probabile la sfida Trump-Clinton per la Casa Bianca.

Hanno festeggiato a poche centinaia di metri l'una dall'altro. Hillary Clinton nella centralissima Times Square. Donald Trump, e non poteva essere altrimenti, nella sua torre. La Trump Tower.

"Grazie", ha detto. "È davvero bello poterlo dire di fronte alla gente che mi conosce meglio, la gente di New York. Sulla base dei risultati, direi che non c'è più competizione. Il senatore Cruz è matematicamente eliminato."

Ted Cruz, che paga le sue critiche rivolte ai newyorchesi, si ferma a un misero 15% delle preferenze. Il governatore dell'Ohio John Kasich, il 25% dei voti. Benché spesso e volentieri contestato nella sua New York, si porta a casa circa il 60% dei voti la quasi totalità dei 95 delegati in palio.

Sulla sua strada, pare ormai certo, ci sarà Hillary Clinton. L'attesa dei risultati è stata un po' sofferta, ma alla fine hanno pagato - bene - i suoi 8 anni da senatrice dello Stato.

"Grazie New York, mi avete dimostrato che nessun posto è come casa tua".

A casa, Clinton si porta il 57% circa delle preferenze e 129 delegati. Dietro di lei, staccato di 15 punti, il senatore del Vermont Bernie Sanders, originario di Brooklyn, incassa una sconfitta deludente. Resta comunque in corsa anche se la sua rimonta politica sembra spezzata.

Nella notte di New dove l'Empire State Building si è colorato di blu e rosso: i colori democratici e repubblicani. Sempre più Clinton. E sempre più Trump.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.