Navigation

In Iowa alla fine vince di un soffio Pete Buttigieg

L'ex sindaco di South Bend, Pete Buttigieg, ha manutenuto un lievissimo vantaggio sul senatore Bernie Sanders col 100% dei voti scrutinati dopo i caucus in Iowa, prima tappa delle primarie democratiche per la corsa alla Casa Bianca: 26,2% contro 26,1%. Scopriamo chi è.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 febbraio 2020 - 21:17
tvsvizzera.it/fra con RSI
Nonostante la sua scarsa esperienza politica, Pete resta un fenomeno di carisma e programma. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

In Iowa la senatrice Elizabeth Warren è arrivata terza col 18%, seguita dall'ex vice presidente Joe Biden col 15,8%. Quinta la senatrice Amy Klobuchar col 12,3%. Giovedì Sanders si era dichiarato vittorioso in virtù del voto popolare.

Chi è Pete Buttigieg?

Studente modello e poliglotta prima ad Harvard e poi ad Oxford, veterano decorato in Afghanistan come ufficiale dell'intelligence, ex consulente della multinazionale McKinsey, sindaco fino a poco tempo fa di South Bend (Indiana), gay dichiarato e sposato con un insegnante che lo accompagna in campagna elettorale.

È il profilo di Pete Buttigieg, che con i suoi 38 anni è il più giovane candidato presidenziale democratico ed ora anche l'outsider più fenomenale dopo il suo successo in Iowa. Qualcuno già lo paragona a Barack Obama, che cominciò la sua corsa alla Casa Bianca trionfando in questo Stato del Midwest. 

Nonostante la sua scarsa esperienza politica, Pete resta un fenomeno di carisma e programma. Appare intelligente, brillante, preparato, incisivo. Ma sa integrare la sua lucidità raziocinante con l'empatia, la capacità di scherzare. Parla e pensa come la giovane generazione cui appartiene, ha la cultura 'digital' dei millennial. 

Progressista ma non radicale

La sua è un'agenda riformista progressiva, ma senza i radicalismi ideologici di Sanders e Warren, i loro toni anti capitalisti, i piani per una università e una sanità gratis per tutti. Su altri temi però ha posizioni comuni o molto vicine a loro, come sull'ambiente, o i temi sociali. Non è forse un caso che il saggio con cui nel 2000 ha vinto il premio della John F. Kennedy Presidential Library fosse dedicato all'integrità e al coraggio politico del senatore del Vermont. Dei candidati moderati è il più liberal ma appare rassicurante a tutti.

Il suo nome resta ancora impronunciabile per molti ma la campagna di Trump ha cominciato a chiamarlo Little Petey, il piccolo Pietro, per indicare la sua inadeguatezza ad andare alla Casa Bianca. Ma lui ha tutta l'intenzione di smentirla.

Ecco il ritratto fatto dal tg.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.