Navigation

Trump v. Biden, respinto anche l'ultimo ricorso

A questo punto si azzerano le speranze di Trump di ribaltare l'esito delle presidenziali del 3 novembre. Keystone / Michael Reynolds

La Corte suprema degli Stati Uniti ha respinto il ricorso del Texas, sostenuto da altri Stati USA e dall'amministrazione Trump, nel quale si chiedeva di invalidare il risultato del voto in Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin, e ribaltare così l'esito delle presidenziali americane dello scorso 3 novembre.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 dicembre 2020 - 15:55

Il ricorso era stato presentato dal procuratore generale del Texas Ken Paxton ed era appoggiato da altri 18 Stati, oltre che da 126 membri repubblicani del Congresso. Vi si accusavano i dirigenti di Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin -che in occasione delle ultime elezioni hanno modificato le loro procedure di voto- di non aver protetto dalle frodi il voto per posta.

Le azioni legali intentate dall'amministrazione Trump per cercare di impedire la certificazione della vittoria del democratico Joe Biden sono oltre 40.

End of insertion

Il Texas chiedeva quindi di non contare i complessivi 62 grandi elettori dei quattro Stati e di rinviare la riunione del 14 dicembre in cui il collegio elettorale è chiamato ad eleggere formalmente il presidente. Senza quei 62 voti Joe Biden, che ne ha totalizzati 306, sarebbe sceso sotto la soglia dei 270 necessari per accedere alla Casa Bianca.

La Corte Suprema, malgrado la più che netta maggioranza di giudici conservatori, non è neppure entrata in materia. Ciò che Trump ha definito su Twitter "un enorme e vergognoso fallimento della giustizia", accusando l'Alta corte di non aver avuto "coraggio e saggezza".

Contenuto esterno

Mentre centinaia di sostenitori di Trump stanno di nuovo convergendo sulla capitale per protestare contro l'elezione di Biden -ci sarebbero tafferugli e sabato sarebbero scattati anche alcuni arresti- tra i repubblicani ci si interroga sul futuro del partito. Cosa faranno i repubblicani? E cosa farà Donald Trump? 

Contenuto esterno

 Il servizio del corrispondente RSI
 

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 12.12.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.