Navigation

François Fillon non si arrende

Il candidato della destra alle presidenziali francesi Francois Fillon non intende ritirarsi, malgrado l’imminente convocazione davanti ai giudici per il cosiddetto "Penelope-gate". "Non mi arrendo", ha affermato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2017 - 20:45
tvsvizzera.it/Zz con RSI (Quotidiano del 01.03.2017)
Contenuto esterno


"Sì, sono candidato alla presidenza della Repubblica", ha dichiarato Fillon mercoledì durante una conferenza stampa. Ha poi confermato di aver ricevuto una convocazione dei giudici il 15 marzo, due giorni prima del termine ultimo per le candidature presidenziali. 

Il politico è indagato per aver versato centinaia di migliaia di euro di salario alla moglie Penelope per un impiego fittizio di assistente personale.

Una decisione, per lui, "interamente calcolata" per "impedirmi di essere candidato". "Con questa scelta di calendario si assassina non solo me, ma l'intera elezione presidenziale, è un omicidio politico". Quanto alla convocazione, "ci andrò", ha detto.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.