Navigation

Polonia-UE, Duda getta acqua nel fuoco

Il presidente polacco minimizza i contrasti con Bruxelles, ma vuole truppe atlantiche ad Est

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2016 - 21:41

Si attenuano i toni tra il nuovo governo polacco, accusato di aver preso misure autoritarie e lesive del pluralismo, e Bruxelles. Il presidente polacco Andej Duda è comparso in conferenza stampa con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, suo connazionale ma avversario politico e ha minimizzato i recenti contrasti con l'Ue, in particolare riguardo alla nuova legge sui media. Toni conviviali ma Varsavia resta un osservato speciale.

Ma il vero interesse del presidente polacco è sembrato rivolto soprattutto al successivo incontro con i vertici NATO. Non è infatti un mistero che Varsavia voglia un dispiegamento stabile di truppe atlantiche nel suo paese, eventualità che non entusiasma l'Ue e ancor meno Mosca.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.