Navigation

Il Parlamento europeo durante la pandemia

I dirigenti dell'Unione Europea si sono riuniti giovedì in un'inedita sessione "a distanza" per trovare, malgrado le divisioni, una risposta comune al rischio di catastrofe economica dovuto alla pandemia di coronavirus. L'inviato della Radiotelevisione svizzera è tra i pochi giornalisti riusciti a recarsi sul posto per documentare come funziona la democrazia ai tempi della quarantena.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2020 - 20:54
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 26.03.2020)
Anche se non sembra, le discussioni continuano. Keystone / Olivier Hoslet

"Anche in questa situazione di crisi è essenziale che i parlamentari facciano il loro compito, in questo caso adottare della legislazione per aiutare gli Stati membri per lottare contro il corona virus", dice il portavoce del Parlamento europeo Jaume Duch.

Gli eurodeputati sono riuniti per discutere di misure destinati a contrastare gli effetti economici della pandemia, come ad esempio lo sblocco di 37 miliardi di euro per sostenere la risposta sanitaria. Per la prima volta nella storia dell'istituzione, il voto avviene a distanza.

Vediamo, nel servizio della Radiotelevisione svizzera, come si svolgono i lavori in questa situazione fuori dal comune. 

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.