Navigation

Polemica italo-svizzera, "Berna ondivaga, tergiversa sui dettagli"

Visioni contrastanti keystone

Padoan replica a Widmer-Schlumpf, accusata di esasperare le trattative fiscali con la minaccia di denuncia dell'accordo sui frontalieri

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ottobre 2014 - 21:27

Dura replica del ministro del ministro delle finanze Pier Carlo Padoan alla consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, che aveva dato un ultimatum per la conclusione delle trattative che si stanno protraendo con Roma in ambito fiscale. "Quelli che prendono in giro la controparte non siamo noi", dice in una notaLink esterno il ministro delle finanze che ha precisato di aver "registrato da parte della delegazione svizzera atteggiamenti ondivaghi". Padoan ha aggiunto di aver letto con stupore le dichiarazioni ai media della sua omologa elvetica, a margine del loro breve incontro al vertice del Fondo Monetario a Washington, in cui spiegava che la sua "pazienza ha un limite".

In proposito il ministro delle finanze ha espresso "da parte italiana la forte insoddisfazione per la mancata volontà da parte svizzera di finalizzare i dettagli di un'intesa complessiva sulle varie questioni sul tappeto i cui termini generali sono già stati da tempo concordati". In questo senso la direttrice del Dipartimento delle finanze è stata invitata a mettere "nero su bianco la posizione svizzera sulle questioni ancora aperte" così da poter "finalmente giungere a una finalizzazione di questo negoziato".

Nel breve scambio avvenuto a Washington, si legge nella nota del Ministero italiano del Tesoro, Padoan ha anche ricordato alla controparte che un'esasperazione delle posizioni negoziali, come ad esempio la minaccia di una denuncia dell'accordo in vigore sui transfrontalieri, rischiano di rendere più difficile il conseguimento di soluzioni accettabili per entrambe le parti. Resta il fatto che negli ultimi due giorni i toni tra i due paesi hanno assunto livelli inconsueti nella storia delle relazioni bilaterali italo-svizzere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.