Navigation

Piazza finanziaria: ora punta sulla trasparenza

La reazione delle banche ticinesi: il futuro parla di un private banking trasparente, ovvero di una gestione del cliente privato a carte scoperte

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2015 - 19:36

La parola d'ordine ora è trasparenza. Lo dice l'accordo fiscale italo-svizzero. Su richiesta verranno fornite all'Italia informazioni bancarie, questo in cambio dello stralcio della Svizzera dalla lista dei paradisi fiscali.

Il cliente italiano è ora chiamato a regolare la propria posizione di fronte al fisco. E pure la banca svizzera, se non vorrà avere guai, deve agire in modo responsabile. La piazza finanziaria elvetica deve ormai tenere conto anche della legislazione italiana che ha inasprito le norme contro l'auto-riciclaggio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.