Navigation

Partite truccate, 50 fermi

Nuova inchiesta sul calcioscommesse in Italia, coinvolte squadre di serie D e Lega Pro

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2015 - 21:09

Nuova inchiesta sul calcioscommesse in Italia. Una cinquantina di fermi sono stati emessi dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro nei confronti di due distinte associazioni che avrebbero truccato decine di incontri di Lega ProLink esterno e serie DLink esterno. Centinaia di agenti stanno operando in tutta Italia. Complessivamente sono oltre 70 gli indagati.

Fra i personaggi coinvolti, oltre a calciatori ed ex, presidenti e dirigenti di club, figurano anche soggetti stranieri, un presunto appartenente alla cosca Iannazzo, potente clan della 'Ndrangheta operante nella provincia di Lamezia Terme, e un poliziotto. Perquisizioni sono in corso da parte della polizia nelle sedi di diverse squadre coinvolte a vario titolo nell'inchiesta. Le perquisizioni riguardano anche i domicili di dirigenti, allenatori e calciatori che sarebbero associati per truccare le partite. Le due distinte organizzazioni scoperte erano in grado di alterare i risultati e investire denaro nel giro delle scommesse, sia in Italia sia all'estero.

ANSA/ludoC

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.