Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Parigi, l'Isis esulta sul web

Reazioni nel mondo agli attentati che hanno scosso la Francia, "Ora tocca a Londra, Washington e Roma" proclama un fanatico nella rete

"La Francia manda i suoi aerei in Siria, bombarda uccidendo bambini, oggi beve dalla stessa coppa". Si tratta di una delle rivendicazioni degli attentati di Parigi diffuse da media vicini al sedicente Stato islamico. Gli attacchi della notte scorsa, sostiene un'altra fonte ,"sono solo l'inizio della tempesta. La Francia e chi la sostiene rimarrà tra gli obiettivi principali dell'Isis" e "continuerà a sentire l'odore della morte per aver preso la guida della crociata, aver insultato il profeta e essersi vantata di combattere l'Islam".

Del resto Parigi è "la capitale dell'abominio e della perversione", secondo il comunicato dei fanatici del Califfato nero. Ma a preoccupare maggiormente non sono tanto gli attesi proclami dello Stato Islamico, quanto i commenti che si sono diffusi rapidamente sui social media, in particolare su Twitter dove l'hastag in arabo "Parigi brucia" ha raccolto numerosi commenti deliranti da parte di simpatizzanti dei terroristi. A conferma del fatto che il web resta uno dei canali principali attraverso cui Isis, al Qaida e altre organizzazioni del terrore islamico fanno proselitismo e reclutano militanti. "Dopo Parigi tocca a Londra, Washington e Roma", sostiene un tweet

Di tutt'altro segno, e non poteva essere diversamente, le reazioni nel mondo. A partire dal leader russo Vladimir Putin che ha espresso la sua vicinanza in un messaggio inviato al suo omologo Hollande.

Ma anche la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga si è detta "scioccata e inorridita" per i fatti di Parigi.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×