Navigation

Parigi, il giorno dopo

Il bilancio provvisorio degli attacchi terroristici di venerdì sera è di 128 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2015 - 21:50

C'è costernazione e incredulità a Parigi dopo gli attacchi terroristici che hanno insanguinato la metropoli a partire dalle 21 di ieri sera. Scuole e musei sono chiusi e la città è blindata. Per le strade si vede solo polizia mentre i comuni cittadini preferiscono restare in casa. Il bilancio delle vittime, 128 morti e centinaia di feriti (parecchie decine versano in gravi condizioni), è destinato fatalmente ad aggravarsi mentre sei degli otto assalitori, tutti morti, si sono fatti esplodere al grido "Allah è grande".

La cronaca delle ultime 24 ore

Ma a colpire è soprattutto il racconto dei testimoni che ieri sera si trovavano nei pressi dei luoghi dove si sono svolti gli attentati. La ricostruzione e le interviste dalla capitale francese di Davide Mattei.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.