Navigation

Obbligo di quarantena, tensioni tra Regno Unito e Francia

In molti sono corsi alla Gare du Nord di Parigi nella speranza di poter prendere venerdì sera un treno che avrebbe loro permesso di entrare nel Regno Unito in tempo utile per evitare la quarantena. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

La quarantena imposta dal Regno Unito a chi arriva o rientra dalla Francia è entrato in vigore sabato, creando non poco scompiglio per centinaia di migliaia di persone in viaggio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2020 - 14:39

La decisione è stata presa da Londra dopo l'aggravarsi della situazione sanitaria in Francia, che registra più di 20 casi per 100'000 abitanti da sette giorni. Al momento, chi rientra nel Regno Unito da questo paese dovrà stare in quarantena per 14 giorni. La stessa misura è entrata in vigore anche per Malta e Paesi Bassi.

Moltissimi britannici e francesi residenti oltremanica sono corsi venerdì sera a prendere gli ultimi treni, voli e traghetti che li avrebbero portati in Gran Bretagna, spendendo talvolta somme esorbitanti per anticipare il ritorno ed evitare di dover restare isolati a casa per due settimane senza poter andare al lavoro o a scuola.

I ritorni previsti dalla Francia interessano circa 160'000 persone secondo il governo britannico, mentre secondo la stampa potrebbero essere 500'000.

Parigi ha sottolineato il suo disappunto per la misura e ha annunciato che ne introdurrà una analoga nei confronti del Regno Unito.

In quest'ultimo Paese i morti per il coronavirus sono 41'000 e il governo teme un nuovo aumento dei casi mentre sta tentando di rilanciare l'economia che ha subito un crollo senza pari in Europa.

In Francia, le autorità tentano di contenere il diffondersi di casi. A Parigi, oltre all'obbligo allargato di portare una mascherina sanitaria in certe zone anche all'esterno, sono stati vietati gli assembramenti di più di 10 persone.

Il servizio del Telegiornale:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/afp con RSI (TG del 15.08.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.