pandemia Covid, tafferugli a manifestazione contro le restrizioni a Londra

Manifestanti e polizia si affrontano a Londra.
Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

A Londra sono scesi di nuovo in piazza gli oppositori delle politiche restrittive che il governo britannico ha varato allo scopo di frenare la diffusione del coronavirus.

Circa 15'000 dimostranti si sono radunati al motto "We do not consent" (Non diamo il consenso) a Trafalgar Square e Hyde Park e si sono registrati alcuni scontri con la polizia.

Le forze dell'ordine sono infatti intervenute per cercare di interrompere la manifestazione nel corso della quale non venivano palesemente rispettate le distanze minime tra i partecipanti e per tutta risposta è iniziato il lancio di liquidi e bottiglie nei confronti degli agenti.

Nei tafferugli alcuni dimostranti e almeno quattro poliziotti hanno riportato evidenti ferite e hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari.

Intanto i numeri confermano la ripresa della pandemia nel Regno Unito. Sabato sono stati comunicati 6'042 nuovi contagi e 34 morti nelle ultime 24 ore mentre il giorno precedente sono stati segnalate oltre 6'800 infezioni e 40 decessi.

Nonostante i progressi nelle terapie, ha indicato il consulente scientifico del governo britannico Graham Medley, entro tre o quattro settimane sono attesi cento morti al giorno.

Per evitare un nuovo lockdown il premier Boris Johnson ha proibito gli assembramenti con più di sei persone e ha imposto la chiusura di pub e ristoranti alle 22.

Parole chiave