Navigation

Palermo-Agrigento, crolla viadotto nuovo

ANSA

Aperto al traffico il 23 dicembre e già chiuso il 30, era stato inaugurato con tre mesi d'anticipo rispetto ai tempi previsti; indaga la procura di Termini Imerese

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 gennaio 2015 - 22:40

Un viadotto inaugurato poco prima di Natale sulla statale 121 Palermo-Agrigento è crollato appena una settimana dopo l'apertura. La notizia è rimbalzata sulla stampa nel pomeriggio di domenica.

Fortunatamente, nessun veicolo transitava quando è avvenuto il collasso dell'arteria. Metà carreggiata è sprofondata, e la restante presenta una profonda spaccatura.

L'apertura al traffico della variante 'Scorciavacche' era avvenuta il 23 dicembre, con tre mesi di anticipo rispetto ai tempi previsti. Il viadotto rientra nei lavori di ammodernamento dell'itinerario Palermo-Lercara Friddi sulla statale 121. Il costo dell'opera danneggiata è stato di circa 13 milioni.

Il comunicato dell'AnasLink esterno, che il 30 dicembre ha disposto la chiusura al traffico tra il chilometro 226 e il 227 nei pressi di Mezzojuso, parla di "un anomalo cedimento del piano viabile in corrispondenza del rilevato retrostante della spalla del viadotto". La società di gestione della rete stradale ha quindi contestato alla ditta che ha eseguito l'opera il difetto di esecuzione, disponendo l'immediata installazione di un sistema di monitoraggio di tutte le strutture su cui si regge la strada e ordinando di procedere al ripristino della carreggiata nel più breve tempo possibile.

L'impresa che cura i lavori, Bolognetta scpa, sottolinea in una nota diffusa domenica che a cedere non è stata l'opera 'Scorciavacche 2' bensì il rilevato stradale adiacente -evento "riconducibile a un cedimento del terreno di fondazione"- pertanto "In atto non c'è nessun crollo di viadotti".

Il premier Matteo Renzi, appreso della vicenda, rende noto su Twitter di aver "chiesto all'Anas il nome del responsabile. Pagherà tutto". Gli fa eco il ministro dei trasporti Maurizio Lupi: "È un fatto inaudito e inaccettabile. Ho immediatamente chiesto una relazione dettagliata sull'appalto, sui lavori e anche sulla commissione di collaudo".

È intanto scattata l'inchiesta della procura di Termini Imerese (Palermo) per crollo colposo. Procura che ha sequestrato l'area e domani, lunedì, affiderà una consulenza tecnica ai periti.

ANSA/red

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.