Navigation

In Siria la tregua è appesa a un filo

Contenuto esterno

Diverse formazioni ribelli hanno annunciato martedì che non parteciperanno ai negoziati organizzati da Russia e Turchia. Accusano il regime di Bashar el Assad di aver violato la tregua, entrata in vigore appena quattro giorni fa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 gennaio 2017 - 14:26
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 3.1.2017)

L’accordo per il cessate il fuoco – il terzo dallo scoppio della guerra sei anni fa – era stato sottoscritto il 29 dicembre, sotto l’egida della Russia e della Turchia e con l’avallo dell’Iran.

Il governo di Damasco e una dozzina di gruppi ribelli si erano accordati per interrompere le ostilità e soprattutto per avviare delle trattative a fine gennaio ad Astana, capitale del Kazakistan. Il Consiglio di sicurezza dell’ONU aveva poi dato il suo appoggio al piano.

Per i primi tre giorni la tregua è sembrata reggere, ma martedì i ribelli hanno annunciato il “congelamento di ogni discussione legata ai negoziati di Astana”.

In un comunicato, le fazioni ribelli hanno affermato di aver "rispettato il cessate il fuoco in tutto il territorio siriano" ma che "il regime e i suoi alleati non lo hanno fatto”.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.